fbpx
“Città della Poesia” – Intervista a Simone Mestroni

“Città della Poesia” – Intervista a Simone Mestroni

La lettura ci insegna ad accrescere il valore della vitavalore che non abbiamo saputo apprezzare e della cui grandezza, solo grazie al libro, ci rendiamo conto.”
Questa citazione di Marcel Proust non poteva certo tenere conto che la lettura e l’avvicinamento alla letteratura potevano avvenire in modo insolito e originale come quello di Simone Mestroni e andare oltre il libro.
In questa intervista vi raccontiamo il progetto “Città Della Poesia” di Simone Mestroni che porta nel cuore il desiderio di avvicinare alla letteratura TUTTI, superando le convenzionalità, realizzando volti di scrittori e scrivendo poesie sulle saracinesche e sui muri della città di Udine.
Una proposta artistica originale nel contenuto, nello scopo e nella forma. In un’epoca in cui tutto scorre velocemente, l’artista ci cattura con l’immagine, ci fa fermare e riflettere lasciandoci un frammento di letteratura nel cuore. 

E’ nata prima la passione per i murales o la letteratura?
“Ovviamente per la letteratura. Il mio progetto si chiama “Città della poesia”. Va da sé che senza prima un’esperienza letteraria non avrei potuto fare una proposta artistica”.Quando e come hai deciso di trasformare le tue passioni nel tuo lavoro?
Tutto è cominciato gratuitamente. Mi presentavo dai commercianti del centro storico che possedevano delle saracinesche e spiegavo loro che volevo portare la poesia alla portata di tutti attraverso la pittura. E’ solo con il progredire del progetto, in termini di successo, che mi sono ritrovato a farne un lavoro”

Piazza S.Giacomo (Udine)



Il tuo progetto “Città Della Poesia” come nasce?
“Città Della Poesia è una risposta agli aspetti oscuri del presente. E’ l’alternativa allo “stupidume” moderno, alla talvolta spigolosa e rozza quotidianità, sia nei modi di esprimersi che in quelli di atteggiarsi.
A tutto questo ho risposto creando un contro altare che rappresentasse l’esatto opposto.
La delicatezza delle parole, la sinuosità dei mezzibusti di chi le ha scritte.
Un progetto che ha, però una finalità didattica ben precisa, vale a dire quella di catturare l’attenzione dell’uomo della strada, presentandogli versi e autori della poesia che magari non conosceva, dando così la possibilità di imparare qualcosa di letterario anche a chi non frequenta librerie, università e i vari luoghi adibiti alla cultura.
Un progetto ambizioso, se pensate che siamo uno dei paesi che legge di meno in Europa”.

Come scegli le frasi e gli autori da rappresentare?
Quasi sempre chi mi commissiona un lavoro mi lascia libertà di scelta e a quel punto soddisfo i miei gusti personali. Tendo a presentare autori sì di importanza nazionale o mondiale, ma comunque meno noti. Questo affinché si possa generare una conoscenza in più.
Tanti conoscono Alda Merini. Pochissimi conoscono Cristina Campo. Tanti conoscono Alda Merini. Pochissimi conoscono Cristina Campo. Io per far valere il mio principio di didattica, vale a dire quindi un principio di insegnamento, propendo a dipingere la Campo perchè sicuramente poco nota.

Preciso che quando parlo di insegnamento lo faccio senza presunzione, ma è la parola giusta per descrivere l’obiettivo di Città Della Poesia, che ripeto, è quello di far apprendere la letteratura ai passanti.

Le parole possono cambiare il mondo?
“Niente può cambiare il mondo se non lo sviluppo tecnologico; Il resto sono concetti fiabeschi. La poesia, la bellezza, l’arte, sono tutti ricamini cui ci piace credere. Sono un ragazzo molto concreto, tuttavia ammetto che la parola può cambiare e salvare un singolo individuo”

Via Planis (Udine)

Che cosa significa per te far parte del team Valory?
Valory è come Città Della Poesia, una scelta alternativa su un sentiero sicuramente meno illuminato, perché più impervio, dove ci si incammina se si hanno degli interessi positivi.
Una piattaforma dove una volta tanto non vi è spazio per aspiranti influencer  e spassionati. In Valory ho visto tanti ragazzi per bene che ti fanno credere che c’è del buono in giro”

Live Valory (Bologna)

Quali sono i tuoi progetti futuri?
“Io non ho progetti. Ho il progetto; fatto e finito.
Quello che c’è da fare è divulgarlo, farlo comprendere e riuscire a coinvolgere.
Per capirlo bisogna vedere in Città Della Poesia il solco che traccia d’innanzi ad un futuro che non promette che decadenza culturale, una trincea di resistenza letteraria, dalla quale bisogna però saper anche uscire per brandire il messaggio.
“Mi aspetto che soprattutto le amministrazioni capiscano che quello che faccio non sono dei disegni, ma una battaglia per tenere in vita quello che fu scritto e la memoria di chi lo fece”.

Video Intervista: Noemi Demontis

Video Intervista: Noemi Demontis

“ValorY ti valorizza veramente. Da io che ero incredula incredula, posso dirvi che è un mondo fantastico, trovi persone che in cambio non vogliono niente, vogliono solo darti quella pacca sulla spalla; per dirti: noi ci siamo”. GRAZIE per le belle parole, vogliamo aiutare tutti i giovani a perseguire le loro passioni e talenti! E @noemi_emy_demontis lo ha capito. Scopri la sua intervista completa scaricando l’App 😍😉🔝

Video Intervista: Martina Bagatin

Video Intervista: Martina Bagatin

“Il mio sogno più grande è quello di cantare davanti a tantissime persone, e soprattutto di riuscire a trasmettere quello che la musica trasmette a me”😜✌️🎵🌍 Siamo certi al 100% che @_martinabagatin_ riuscirà a realizzare il suo sogno, e siamo qui per supportarla! E il tuo sogno qual è? Faccelo sapere scaricando #ValorYApp: racconta le tue passioni, partecipa ai sondaggi, eventi, e sarai protagonista del tuo #futuro!⠀

 

Video Intervista: Arianna D’Urso | V-Young Stories

Arianna D’Urso | VYoung Stories

ValorY App è un progetto innovativo di supporto alla crescita personale e professionale dei giovani attraverso una piattaforma digitale ideata ad hoc, supportata costantemente da un team di professionisti a disposizione dei ragazzi, e mediante attività ed eventi “live”.

Il progetto, che non è solo una APP ma ha una forte componente di attività concrete per aiutare i giovani a trovare percorsi di apprendimento e orientamento più adatti a sviluppare una maggiore consapevolezza delle loro abilità e della loro vocazione, con l’obiettivo di contribuire a migliorare il loro benessere e ad avviarli con successo al mondo del lavoro, combina Virtuale e Reale. La protagonista di questa intervista è una ragazza con un grande talento artistico: Arianna D’Urso. Una delle nostre prime #ValorYoung, una ragazza fantastica, sensibile, dal vero e limpido gusto per la moda e l’arte. A pochi mesi dal nostro primo incontro, la nostra V-Junior @annarianescence ha partecipato a Miss Italia per la sezione Sicilia. 

 

Una grande donna: Arianna!

Da anni appassionata di moda, arte e spettacolo: la abbiamo intervistata in esclusiva qui su ValorY App!

ValorY: Come hai conosciuto ValorY App?

Arianna: L’anno scorso durante la Milano Fashion Week ho partecipato insieme a mia madre ad una sfilata con i nostri prodotti artigianali, in quell’occasione, che non andò come prospettato e sperato, ho avuto la meravigliosa opportunità di conoscere Simona, una delle brillanti menti che ha ideato ValorY; che mi ha esposto il progetto con entusiasmo e cuore.

ValorY: Come ti ha aiutato ValorY a far emergere la tua passione ed il tuo talento?

Arianna: Sono sempre stata una persona molto insicura su vari aspetti della mia persona e per tutto ciò che riguarda le mie potenzialità. Adoro recitare, cantare, danzare, dipingere ma ho sempre il timore di non essere brava abbastanza, nonostante l’amore che nutro per ogni attività artistica che “pratico”. ValorY mi ha insegnato che la fragilità non è un limite, quanto piuttosto la forza più grande per raggiungere i propri obiettivi, perché da essa scaturisce la vera essenza dell’umanità. Insomma un artista fragile e sensibile riesce a veicolare forse meglio un certo tipo di messaggio, perché entra in contatto con aspetti di se stesso che vanno oltre la superficie e riesce ad entrare in forte empatia con gli altri. ValorY mi ha insegnato che la mia timidezza non è motivo di vergogna; che ogni persona che incontriamo nel nostro percorso ci arricchisce nei più vari modi; che al mondo esiste ancora chi riesce a vedere oltre le apparenze e valorizza ciò che è il potenziale di ciascuno.   

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ciao cari, potete aiutarmi a vincere questo contest? Ci tengo veramente tanto, con i like guadagno un punto e con i commenti tre Quindi scuoricinatemi tuttah Ora traduco perché international is sensational Hello babies, could you help me to win this contest? This is the format i create for a shirt for this amazing app. Your support is very important for me, 1 like=1 point 1 comment=3 points So send me all your love. . . . . . . . ———————————————– #valoryshirtcontest #valorytshirtcontest #format #newformat #valory #valoryapp #valoryze #tshirt #newshirt #drawnbyme #drawn #drawing #colorful#colored #watercolor #instashirt #instalike #instacomment #likeforwin #contest #instacontest #tagforwin #shirtfashion #shirtprinting #fashion #shirtdesign #shirtoftheday #shirtstyle #tshirtprint #likethis

Un post condiviso da Annaria🌙 (@annarianescence) in data:

 

ValorY: Cosa pensi di ValorY?

Arianna: Penso che dietro la parola ValorY ci siano i più svariati significati: condivisione, supporto, sensibilità, unione. Non è solo il valore di una persona ciò che questo progetto valuta, ma anche il modo in cui trovare degli sbocchi concreti per farlo emergere.

ValorY: Perché consiglieresti ai tuoi coetanei di unirti al ValorY World?

Arianna: Consiglierei ai miei coetanei il mondo Valory perché finalmente potrete avere l’opportunità di sentirvi a casa, in un contesto che vi stimola e vi abbraccia così calorosamente da non farvi più sentire soli. Grazie ValorY, sempre.

 

Scarica ora l’App! Clicca QUI!

 

Cos’è ValorY App?

ValorY App è una piattaforma digitale, la prima del suo genere in Italia, che si configura come una app per smartphone, scaricabile gratuitamente per sistema operativo Android o iOS, che offre una guida a 360° per rispondere ai dubbi e ai bisogni di adolescenti e preadolescenti, ma anche di persone più adulte. Lo scopo della app è diventare dunque il luogo di interscambio di riferimento per le nuove generazioni, in cui trovare idee, suggerimenti e consigli personalizzati per valorizzare le proprie passioni e interessi; confrontare le proprie storie con quelle dei coetanei; partecipare a contest collegati allo sviluppo di percorsi professionali e professionalizzanti, ma anche trovare un supporto di professionisti psicologi iscritti all’Ordine, che hanno aderito alla fase test del progetto a titolo gratuito e che saranno disponibili per supportarli e motivarli, aiutandoli a incrementare la fiducia in se stessi e negli altri, attraverso consulenze erogate nel rispetto del loro anonimato. Target principale della App ValorY sono i ragazzi di età compresa tra i 16 e i 26 anni.

L’altro target sono Aziende, Enti, Associazioni e Istituzioni che hanno a che fare con i giovani e che sono alla ricerca di nuove modalità di interazione con loro per: capire meglio le abitudini e le esigenze dei giovani consumatori; testare nuove idee di prodotti o servizi pensati per loro; cercare nuove idee per sviluppare nuovo business; trovare nuove risorse umane.  

Video Intervista: Martina Bagatin

Martina Bagatin | VYoung Stories

ValorY App è un progetto innovativo di supporto alla crescita personale e professionale dei giovani attraverso una piattaforma digitale ideata ad hoc, supportata costantemente da un team di professionisti a disposizione dei ragazzi, e mediante attività ed eventi “live”.

Il progetto, che non è solo una APP ma ha una forte componente di attività concrete per aiutare i giovani a trovare percorsi di apprendimento e orientamento più adatti a sviluppare una maggiore consapevolezza delle loro abilità e della loro vocazione, con l’obiettivo di contribuire a migliorare il loro benessere e ad avviarli con successo al mondo del lavoro, combina Virtuale e Reale.

La protagonista di questa intervista è una ragazza, Martina, che è un tutt’uno con la musica.

Frequenta corsi di caratura nazionale, ha già partecipato a diverse gare e show, grazie a ValorY App si è esibita in numerose occasioni: Milano, Bologna.. e ha avuto modo di conoscere tanti altri cantanti come lei!

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ValorY (@valory_app) in data:

Una cantante fantastica: Martina!

Da anni appassionata di musica e canto, una voce magnifica: la abbiamo intervistata in esclusiva qui su ValorY App!

ValorY: Come hai conosciuto ValorY App?

Martina: L’ho conosciuta tramite un ragazzo che mi ha chiesto di partecipare ad un contest su Instagram.

ValorY: Come ti ha aiutato ValorY a far emergere la tua passione ed il tuo talento?

Martina: Mi ha aiutato proponendomi varie attività dove poter esprimere la mia passione.

ValorY: Cosa pensi di ValorY?

Martina: È una bella applicazione, dove puoi pubblicare ciò che più ti sta a cuore e soprattutto condividere questi momenti con altre persone che magari hanno la stessa passione.

ValorY: Perché consiglieresti ai tuoi coetanei di unirti al ValorY World?

Martina: Consiglio di unirsi a ValorY perché tramite le proprie passioni, partecipando a contest ed eventi si può incontrare tanta gente dal vivo e fare tanta esperienza insieme.

 

Scarica ora l’App! Clicca QUI!

 

Cos’è ValorY App?

ValorY App è una piattaforma digitale, la prima del suo genere in Italia, che si configura come una app per smartphone, scaricabile gratuitamente per sistema operativo Android o iOS, che offre una guida a 360° per rispondere ai dubbi e ai bisogni di adolescenti e preadolescenti, ma anche di persone più adulte. Lo scopo della app è diventare dunque il luogo di interscambio di riferimento per le nuove generazioni, in cui trovare idee, suggerimenti e consigli personalizzati per valorizzare le proprie passioni e interessi; confrontare le proprie storie con quelle dei coetanei; partecipare a contest collegati allo sviluppo di percorsi professionali e professionalizzanti, ma anche trovare un supporto di professionisti psicologi iscritti all’Ordine, che hanno aderito alla fase test del progetto a titolo gratuito e che saranno disponibili per supportarli e motivarli, aiutandoli a incrementare la fiducia in se stessi e negli altri, attraverso consulenze erogate nel rispetto del loro anonimato. Target principale della App ValorY sono i ragazzi di età compresa tra i 16 e i 26 anni.

L’altro target sono Aziende, Enti, Associazioni e Istituzioni che hanno a che fare con i giovani e che sono alla ricerca di nuove modalità di interazione con loro per: capire meglio le abitudini e le esigenze dei giovani consumatori; testare nuove idee di prodotti o servizi pensati per loro; cercare nuove idee per sviluppare nuovo business; trovare nuove risorse umane.

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ValorY (@valory_app) in data: